SEI IN > VIVERE BENEVENTO > CRONACA
articolo

Truffa sui contributi pubblici, 3 arresti e sequestri per 300 mila euro

1' di lettura
18

I finanzieri del Comando Provinciale di Benevento hanno eseguito un decreto di applicazione di misure cautelari nei confronti di tre cittadini italiani, che sono stati posti agli arresti domiciliari, e nei cui confronti è stato eseguito il sequestro di euro 315.000 euro.

Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento su richiesta dell’European Public Prosecutor’s Office (EPPO) di Napoli al termine di una indagine delle Fiamme Gialle che avrebbe accertato l'indebita percezione di un contributo pubblico per la costruzione di un impianto per la produzione di pellet richiesto al Ministero dello Sviluppo Economico da una impresa con sede legale a Montesarchio e unità operativa in Benevento, operante nel settore della rivendita autoveicoli.

La società beneficiaria del contributo aveva dichiarato che il progetto era stato concluso il 28 febbraio 2022 e che a quella data i macchinari acquistati erano stati consegnati ed installati presso la sede operativa aziendale sita nel capoluogo sannita. Le indagini e i numerosi sopralluoghi eseguiti hanno permesso di accertare che nei locali aziendali veniva svolta l’attività di vendita autovetture, officina assistenza, vendita ricambi per un noto marchio e revisioni auto ma non è stata rilevata la presenza di alcun macchinario inerente l’investimento. Al fine di ottenere l’erogazione del contributo pubblico, la società beneventana avrebbe usato false fatture per operazioni inesistenti emesse con artifici e raggiri da una società con sede nella Repubblica Ceca.



Questo è un articolo pubblicato il 24-01-2024 alle 12:47 sul giornale del 25 gennaio 2024 - 18 letture






qrcode